Dirigenti esterni Lombardo in guerra contro il governo

L’Mpa del governatore di Sicilia Raffaele Lombardo contro il governo Berlusconi. I parlamentari del movimento autonomista hanno presentato alla Camera e al Senato un’interrogazione al presidente del Consiglio per chiedere il ritiro dell’impugnativa davanti alla Corte costituzionale, decisa dal Consiglio dei ministri lo scorso primo marzo, della norma siciliana in base alla quale la giunta Lombardo ha nominato nove dirigenti generali esterni, norma che fissa un tetto massimo tutto siciliano del 30 per cento di esterni, contro il 10 per cento della normativa nazionale. Insomma, una questione di lesa maestà. Sì, perché lo Statuto siciliano, che ha rango costituzionale, stabilisce che in materia di personale la Sicilia possa fare tutto quel che vuole: compreso assoldare il triplo dei dirigenti esterni rispetto alle Regioni a statuto ordinario.

Autore

Commenti

Caricamento...