«E adesso lo stupro non è più di destra»

Prima l’etichetta dello stupratore di destra, ora il polverone eccessivo del dibattito a sinistra dopo l’arresto del maniaco seriale a Roma. Isabella Rauti, moglie del sindaco di Roma e capo dipartimento del ministero delle Pari opportunità, taglia la testa al toro. «Le strumentalizzazioni su questi temi rischiano di spostare l’attenzione dal vero problema: la violenza sulle donne - dice al Giornale -. Alle vittime non credo che interessasse molto dove passasse i pomeriggi il presunto stupratore, ma quello che ha fatto in alcune notti».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti