Astrim a Bosch In arrivo l'ok dell'Antitrust

L'Italia, nonostante tutto, resta nel mirino di investitori internazionali. Sarebbe ormai imminente, infatti, l'ok dell'Antitrust europeo alla multinazionale tedesca Bosch per l'acquisizione, dal gruppo che fa capo ad Alfio Marchini, di Astrim Energia. Con base a Roma, 130 addetti e oltre 30 milioni di fatturato, Astrim è uno dei maggiori fornitori di servizi (impianti per la cogenerazione e soluzioni gestionali) nel settore dell'energia. Con le ultime acquisizioni (oltre ad Astrim, la divisione italiana dell'azienda di diagnostica Spx) il colosso tedesco della componentistica e dei servizi porterà così a 16, con 5.800 addetti e 1,9 miliardi di fatturato, le sue società nel nostro Paese. E così lo shopping continua, con un occhio particolare, come nel caso di Astrim, al tema dell'efficienza energetica.

Commenti