EDITORIAMondadori dimezza il compenso dei vertici

Nel 2013 Mondadori ha ridotto di circa il 45% i compensi complessivi erogati ai top manager a 7,8 milioni dai precedenti 14 milioni del 2012. È quanto emerge dalla relazione sulla remunerazione confrontandola con il documento del precedente esercizio. L'ad Ernesto Mauri (nella foto), entrato in carica il 20 marzo dello scorso anno, ha ricevuto per il 2013 un compenso di 1,29 milioni. Quasi scomparsi i bonus per i manager: da 5,2 milioni a 857mila euro (-83%), sospesa l'assegnazione di nuovi piani di incentivazione triennale per il 2013, ridotto da 10 a 8 il numero di dirigenti strategici. A Maurizio Costa, per 16 anni ad Mondadori, sono stati erogati 5,75 milioni a titolo di indennità di cessazione del rapporto di lavoro. Fininvest si conferma azionista oltre la maggioranza assoluta con il 53% delle quote della casa editrice di Segrate.

Commenti