Fiat, addio Lancia Ecco i modelli storici

Nel nuovo piano del gruppo Fiat ci sarà poco spazio per Lancia. Motivo? "Ha un appeal limitato"

Nessuno stabilimento sarà chiuso in Italia, ma la Fiat è pronta a dire addio alla Lancia. Motivo? "Ha un appeal limitato". Per questo, uno dei marchi storici del Lingotto verrà riposizionato e sarà ridimensionato nella fascia della Ypsilon (guarda le immagini dei modelli Lancia).

Per quanto riguarda il resto della produzione, Marchionne ha annunciato che negli impianti italiani saranno prodotti in tutto 17 nuovi modelli tra il 2013 e il 2016. Per il rilancio il Lingotto punta non più sulle utilitarie, ma sui modelli di alta gamma Alfa Romeo e Maserati.

Sono queste le linee guida del nuovo piano del gruppo Fiat, illustrato da Sergio Marchionne nella conference call sui conti del terzo trimestre.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

alessandro.cardelli

Mer, 31/10/2012 - 15:03

Che errore! L'unica marca che riesce a realizzare le più belle auto della FIAT.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 31/10/2012 - 15:17

Lancia un marchio che stava alla pari con Mercedes e Jaguar per la classe che le sue vetture esprimevano già di primo acchitto. Come dimenticare autovetture come l'Aurelia (si lo spyder del film Il Sorpasso era uno dei modelli più chic di quelli aperti. A proposito ne fu fatto nel 1950 un altro modello in alluminio: i tedeschi dell'AUDI non hanno inventato nulla a riguardo!), l'Appia, la Flaminia la Flavia, la Fulvia, la Delta campione del mondo rally. E' veramente un peccato che un marchio tanto glorioso finisca nell'oblio.

cgf

Mer, 31/10/2012 - 15:21

grosso errore sarebbe mantenerlo in vita per un solo modello. Avere un marchio significa anche avere la rete di vendita, di ricambi etc etc per lo stesso trasporto 2 costi? fiscalmente non è possibile accorparli e poi per cosa? un solo modello? come tanti altri marchi conviene metterlo a riposo, tanto più che non è Lancia che fa le auto più belle della FIAT visto che anche la Y è nata dentro la FIAT e di FIAT monta tutto meno il marchio.

mariolino50

Mer, 31/10/2012 - 15:32

cgf Invece per me lo svizzero col maglione non conosce nemmeno la storia dell'automobile, le faceva si le macchine belle la Lancia, prima che la prendesse la fiat, come del resto l'Alfa Romeo, che erano alla pari e a volte superiori ai blasonati ma da poco marchi tedeschi, che qualche decennio fà erano oggetti pericolosi da guidare, prova fatta con Alfa Giulia e Bmw 320, quanto andava meglio la Giulia.

Mercutio

Mer, 31/10/2012 - 15:32

L'incapacità di progettare e produrre automobili di alta gamma condanna all'oblio un marchio che ha fatto la satoria dell'industria automobilistica italiana. Addio mitica Aurelia B24, addio Fulvia HF e avveniristica Stratos, regine dei Rally. Ringraziamo sentitamente la famiglia Agnelli per aver raggiunto il risultato, sapendo che anche l?Alfa Romeo corre lo stesso rischio di scomparire.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 31/10/2012 - 15:42

Un marchio famosissimo nel Mondo che sparisce in questa maniera assurda. Un marchio che fino a qualche anno fa dominava la scena dei rally internazionali con motori e macchine da favola, battendo marchi automobilistici famosi. E' qualche cosa che fa veramente male sapere

fedele50

Mer, 31/10/2012 - 15:55

HO FATTO il lattoniere x 47 anni, ora mi dedico alla restauro di auto d'epoca x hobbi e con grande soddisfazione, ed ex carrozziere lancia, che tristezza,anzi che schifo.

chit 54

Mer, 31/10/2012 - 15:58

Prima la Multipla, poi i monovolume, ora tutta a Lancia. Contenta la proprietà e gli azionisti, tutto va bene o, almeno, si spera.

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Mer, 31/10/2012 - 16:26

Doveva essere la risposta italiana a BMW e Mercedes, invece hanno fatto delle Fiat leggermente migliorate tecnicamente ma brutte al limite dell'inguardabile. Un po' come la mitica ALFA. Mancano di coraggio e di visione!

Ritratto di pinoavellino

pinoavellino

Mer, 31/10/2012 - 16:35

Purtroppo Lancia è morta nello stesso momento in cui è passata con Fiat. L'azienda è diventata un clone di Fiat cambiando solo il marchio sulle vetture. Stesso amaro destino per le due ruote con l'acquisizione della Gilera da parte di Piaggio nel 1970, mi sembra, la Gilera di Giuseppe Gilera ha concluso la sua gloriosa storia da allora. Senza queste acquisizioni sarebbero fallite si potrà optare, ma così hanno solo prolungato l'agonia.

grath2005

Mer, 31/10/2012 - 16:38

Fiat è più brava a chiudere le industrie che a rilanciarle. Lancia ha perso appeal perché hanno fatto delle auto schifose compresa l'ultima "americanata" della Tema. L'Alfa Romeo è un ricordo di sé stessa e non ha più niente di Alfa. Siamo sicuri che se la Fiat chiude sia veramente così male? Perché temo che di quando in quando dovremo continuarla a mantenere con i soldi pubblici.

Ritratto di albireo6

albireo6

Mer, 31/10/2012 - 16:43

Tutti grandi esperti di marketing,ma coi soldini degli altri?!

blackbird

Mer, 31/10/2012 - 16:44

Le auto le progetta FIAT e le costruiscono stabilimenti legati al marchio. Portare tutta la progettazione e realizzazione sotto un unico ombrello ha fatto perdere "visibilità" e "appeal" ai marchi una volta blasonati. Lancia e Alfa Romeo da tempo non progettano e non costruiscono auto. La FIAT ha acquistato i marchi per togliere di mezzo dei concorrenti, ma non è stata capace di fare con questi l'operazione Ferrari. Chi ha un po' di memoria ricorda i (purtroppo) fallimenti della Gamma e della Beta in casa Lancia, e della 6 in casa Alfa. Due case fallite prima per l'incapacità di progettare nuovi modelli e seguire un mercato in rapida evoluzione. La nomenclatura delle auto ormai segue politiche di mercato, avendo abbandonato del tutto la diversità delle politiche produttive e di mercato. Comunque sappiamo che in Eurolandia Ford chiuderà uno stabilimento. Così farà anche Opel e Peugeot (se non fallisce prima), GM si vuole disimpegnare e Renault ha subito un tracollo delle vendite, come BMW. Mercede chiude il marchio di lusso e WV si salva ma non si prospettano bei tempi. La situazione auto è molto "volattile" e se FIAT non chiude i battenti sono proprio bravi.

antiom

Mer, 31/10/2012 - 16:52

Condivido la tristezza dei "lancisti": lAurelia b24 è stata qualcosa che i tedeschi non avrebbero mai potuto avere, senza contare i brevetti tecnici di cui la Lancia ha sempre detenuto il record: bisogno considerare le cruda realtà che non sempre chi è migliora avanza, come la Wolkswagen, per chi ne capisce, dimostra ampiamente! Al megalomane Alexander Peik è andata bene perchè ha fatto un grande affare a prendersi la Seat e la Skoda. Marchionne è il grande Manager che la Fiat non ha mai avuto. Chi ha paura di quest'uomo sono proprio quelli di questo gruppo, e questo per me è una grande soddisfazione: perchè la posizione che detengono in Europa è assolutamente immeritata, gaicché dovrebbe essere dell'Opel e Ford per stare in ambito tedesco.

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Mer, 31/10/2012 - 16:53

albireo6, no, solo consumatori che vedono e scelgono. In quanto tali diciamo la nostra. E' per caso vietato? In fondo siamo noi, in grandi numeri, a decretare il successo o meno di un'azienda, e la situazione attuale del gruppo Fiat la spieghiamo per come la vediamo noi. Libero mercato, si chiama, ed è fatto di gente che sceglie e che può dire come la pensa. Lei per caso si esime dal commentare la politica? Non mi pare, l'ho appena letta riguardo a Grillo. Eppure scommetterei che non è un politologo!

WSINGSING

Mer, 31/10/2012 - 17:03

Non leggo niente di nuovo. Per me la Lancia morì già nel 1972 con la fine della produzione della Lancia Fulvia II serie. Quando appunto arrivò la Fiat e iniziò la produzione della Beta.

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Mer, 31/10/2012 - 17:07

Addio ad un marchio che negli anni del boom italiano poteva ben competere con Mercedes e Jaguar per tecnica e comfort,oltre che per la bellezza del suo design! Addio Lancia,con te muore un 'Italia che avevamo sognato ,ma...mai avuto!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 31/10/2012 - 17:52

Fiat acquisisce un marchio famoso e poi lo fa fuori. Trasformano in merda tutto quello che toccano. Tra non molto tocchera' anche ad Alfa Romeo. Infatti non lo vende a Wv altrimenti questi lo valorizzano.

Ritratto di lbarsanti

lbarsanti

Mer, 31/10/2012 - 18:00

Lo scarso "appeal" ( come dicono quelli che l'italiano non lo conoscono ) è colpa della dirigenza del gruppo e della mentalità provinciale dell'utente italiano. Il ridimensionamento dello storico e glorioso marchio Lancia è una bestemmia automobilistica.

antiom

Mer, 31/10/2012 - 18:10

La wolkswagen sta facendo una corte spietata all'Alfa Romeo per il semplice fatto che ne ha paura, già da adesso, con la Giulia molto superiore alle loro ibride macchine del gruppo! Marchionne, solo per stuzzicarli, ha lanciato un prezzo di vendita assolutamente stratosferico, pur sapendo che il megalomane che ha comprato pure la Ducati potrebbe fare una pazzia.

Ritratto di albireo6

albireo6

Mer, 31/10/2012 - 18:20

Egr.#Ovidio Gentiloni#Solitamente mi attengo al tema dell'articolo che mi pare ponga un problema di scarso mercato.E' lapalissiano che il Marketing non è di sua competenza.Non se la prenda se Le dico...ma per caso,ha letto almeno il sottotitolo succitato?Cordialmente.

FRANCK56

Mer, 31/10/2012 - 18:33

La dirigenza Fiat e' quanto di peggio possa esistere sulla faccia della terra,al contrario della parte ingegneristica e tecnica,la maggior parte delle novita'tecniche che troviamo su tutte le auto del mondo le hanno inventate loro,ne cito una per tutte:il COMMON RAIL,ma ovviamente non solo questo,quindi le capacita' ci sono eccome,per contro gli strateghi commerciali pensano che per salvare l'azienda si debba tagliare,compreso marchi prestigiosi. Chi ha qualche anno sul groppone ed e' come me appassionato di auto,ricordera'che la BMW la definivano l'ALFA tedesca,LA CITROEN

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Mer, 31/10/2012 - 19:19

l'amministrazione cervellotica nel passato di questa fabbrica ha decretato la fine dei migliori "pezzi" sul mercato e, solo di recente sta correndo ai ripari con maserati mentre ferrari si era imposta benché il boss l'aveva quasi annullata! Ma quello che è il peggio del peggio è che non hanno saputo ( voluto ) cogliere il buono che stavano azzerando; i miei più sinceri auguri, certo che non potrà produrre più Lancia, quella era e rimane "la macchina"!!!

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 31/10/2012 - 20:36

Stamose zitti .

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Mer, 31/10/2012 - 21:34

albireo6, mi sfugge il suo richiamo, ma non fa nulla. Sará la giornata pesante, ma il sottotitolo proprio non mi pare di averlo visto. Buona serata e buon ponte (se lo fa).

cgf

Mer, 31/10/2012 - 21:52

@mariolino50 &C lo svizzero (non era canadese?) con il maglione deve mantenere a galla sia gli stabilimenti che gli operai, senza niente da fare negli stabilimenti tutti gli operai a casa, senza operai che ci fai negli stabilimenti? CMQ Lancia è dai tempi di Romiti che è in vendita, avanti chi la vuole! Che ci sappia fare lo ha dimostrato con Chrysler, sull'orlo del precipizio e nessun analista avrebbe scommesso un cent, eppure è quella che negli USA è messa meno peggio di tutte, apre/allarga stabilimenti mentre GM e Ford ne chiudono (btw Ford ne chiude anche 3 in Europa). Ma lei &C avete mai rischiato di vostra tasca, mai avuto un'attività? mia madre mi diceva sempre che del male non se ne augura a nessuno, ma dei dipendenti a tutti, quanto aveva ragione!! LBNL Non è possibile per la FIAT emulare l'ING (quello si che è 'svizzero') il quale non ci ha pensato un attimo a buttare alle ortiche Olivetti, all'epoca una delle aziende informatiche più all'avanguardia, allora l'80 degl'hard disk mondiali li produceva lei, ed ancora oggi stiamo pagando i suoi prepensionamenti mentre lui ha ceduto altrove, guadagnandoci le attività per 'sfondare' con la telefonia, meno male che poi arrivò Vodafone a prendersi Omnitel.

antiom

Mer, 31/10/2012 - 22:39

Che strano popolo sono gli italiani: tutti a stracciarsi le vesta per la chiusura definitiva del marchio Lancia, di cui sono stato da sempre estimatore; nessuno a comprala nonostante l'jpsilon sia di gran lunga superiore all'orribile gemella minore della monotono golf!

Ritratto di gtp

gtp

Gio, 01/11/2012 - 09:58

...ma se prendi una 159 alfa le togli il marchio e gli metti quello della lancia alla gente cosa gliene frega,... è convinta che sia una lancia,... o no?

Ritratto di gtp

gtp

Gio, 01/11/2012 - 10:00

dario

gaettinelli

Gio, 01/11/2012 - 11:25

tutto questo rammarico è tardivo. se veramente avessimo rivoluto una vera lancia avremmo dovuto rafforzare con l' acquisto dei modelli in produzione perchè un'azienda qualsiasi e non solo fiat per contrastare una concorrenza agguerrita ha la necessità di contare su un volume di clienti che ne permetta la remunerazione. in italia abbiamo preferito comprare qualsiasi catorcio con un marchio "no italy" e così abbiamo fatto chiudere prima lancia e poi alfa romeo. fiat fà le fiat non si può pretendere da questa che possieda le virtù progettative di due marchi così particolari e sono sicuro che nessuno riuscirà mai a dare ai propri prodotti il distacco che infliggevano questi due marchi a tutti gli altri. un'epoca finita soprattutto per lancia che aveva troppe particolarità e tutte avanzate. un'alfa che superi la giulia si può fare una lancia che superi l'aurelia non si rifarà mai.

Ritratto di albireo6

albireo6

Gio, 01/11/2012 - 11:47

Egr.#Ovidio Gentiloni#Lei mi sta veramente simpatico,e per questo mi presto in suo aiuto,per quanto possa fare..."Nel nuovo piano del gruppo Fiat ci sarà poco spazio per Lancia. Motivo? "Ha un appeal limitato".Contraccambio augurandoLe un buon ponte di fine settimana.Sempre cordialmente.

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Gio, 01/11/2012 - 12:15

il giovine poco ricorda, per sentito dire, quando dicevi :- Io ho una Lancia( fa nulla che fosse Appia, Fulvia o , magari , Flaminia coupé, senza scordare le altre), quasi come dire :-tengo la "Rolls"! Queste cose davano fastidio a quella gentucola arricchita ma meschina!

agosvac

Gio, 01/11/2012 - 13:26

Egregio mariolino50, quando era in vendita l'Alfa Giulia la Bmw 320 era di là da venire! Forse lei si riferiva alla Bmw 2002?????

agosvac

Gio, 01/11/2012 - 13:40

Egregio stock47, vero è che la Lancia ha dominato i rally per diversi anni con vetture estremamente prestazionali, ma si era già nell'era Fiat! Farebbe bene ad informarsi meglio!!! Per quanto riguarda poi l'appeal che la lancia aveva in Italia, è sicuramente vero: Lancia ha fatto alcune delle vetture migliori di tutti i tempi.Purtroppo all'estero la Lancia non è mai stata apprezzata: si preferivano le Alfa o le Maserati( le Ferrari sono sempre stati alla portata di pochi fortunati). Vorrei fare notare a chi oggi resta sdegnato per le scelte di Marchionne che queste scelte sono dovute al fatto che sono gli italiani che per primi non comprano più Lancia!!!!!E non venitemi a dire che le Lancia di oggi non sono più quelle di prima, perchè la Lancia è stata assorbita dalla Fiat alla fine degli anni 60! Come mai prima le compravate( parlo degli anni 70 ed 80) ed oggi non le comprate più? Eppure sono sempre le stesse! Il fatto è che alcuni poveracci che di macchine ne capiscono poco e niente preferiscono le auto straniere a quelle italiane. La colpa è vostra non di Marchionne!!!L'attuale Lancia delta è molto superiore all'equivalente Bmw o Mercedes, eppure voi non la comprate e preferite comprare le straniere.

adogio48

Gio, 01/11/2012 - 15:00

Tutti a stracciarsi le vesti! Ma per favore. Tutti ridicoli ed esterofili. L'Italia ha sempre avuto le auto migliori (io mi ricordo i cessi nauseabondi francesi e tedeschi degli anni dai '50 agli '80, anzi anche '90)ma l'italiano esterofilo a comprare cessi e culone. Non abbiamo manco riviste del settore. Tutte in mano ai crucchi. Però sono furbi perchè fanno come i Gesuiti: catechizzano dall'infanzia. Io ho avuto anche la tanto decantata Audi, maledetta che mi ha lasciato a piedi 4 volte. Compratela voi.

hellas

Gio, 01/11/2012 - 16:05

Adesso tutti si rammaricano per le scelte di Marchionne ( alcune lasciano davvero perplessi ) , però sono le conseguenze del provincialismo e dell'esterofilia deteriore degli italiani ; si acquistano auto tedesche brutte e impersonali, e si pretende di salvare i nostri marchi nobili .... La Lancia , attualmente , ha in listino almeno due modelli - Delta ed Ypsilon - che non hanno nulla da invidiare, anzi, rispetto a concorrenti tedesche , però gli italiani insistono nell'acquistare Polo e Audi, che magari ti lasciano a piedi , però sono tedesche .... Stesso discorso per Alfa Ronmeo : ma qualcuno ha provato la differenza fra la Giulkietta e la Golf ? Spero che Lancia abbia un furutio e Marchione o chi per lui ci ripensi, ma gli italiani dovrebbero capire che non è possibile acquistare italiano solo quando si parla di cibo o vino ....

mastra.20

Gio, 01/11/2012 - 17:58

avevo una FULVIA ...uccidono ..come veniva CHIAMATA LA MERCEDES ITALIANA... spero che riflettano , da una scelta che non a nessun senso..hanno fatto diventare La Lancia come una fiat.. per questo non è più nei sogni di chi come me comprava la LANCIA..

precisino54

Gio, 01/11/2012 - 18:29

Già inviato inutilmente. Lo ripropongo sperando in maggiore fortuna. Carissimo Marchionne, mi dispiace dirti che se come amministratore sai fare gli interessi della proprietà, come comunicatore hai qualche lacuna. Come è possibile affermare che, come marchio “ha un appeal limitato”. Nella mia lunga vita di consumatore di auto ho avuto una sola Lancia: la prima y10, le altre tutte Fiat; pur essendo contemporanea della 127 ed aver sostituito al A110 dell’Autobianchi, la differenza di finiture e di materiali era abissale. Si apprezzava anche per l’evidente classe superiore dei materiali e delle soluzioni, per non parlare del classico rumore della chiusura degli sportelli. Probabilmente attualmente, in momenti di estrema crisi, il prodotto non è richiesto e ci si orienta su altri marchi per la ricerca del lusso e della tecnologia, ma forse anche per la mancanza di un modello che rinverdisse i fasti della Thema e delle Flavia/Flaminia del passato. Vi ricordate la 1100 e l’Appia, che differenza di sostanza. Da bambino le auto erano: Fiat per l’economia di acquisto, Alfa per la sportività, Lancia per la classe superiore. Certo c’erano le francesi e le tedesche ma erano per gli altri, forse ancora risentivamo del dopoguerra. Con questo stereotipo siamo andati avanti per decenni! Il gruppo di Torino che modelli contrapporrà alle Audi, Mercedes, Bmw? Capisco che il mercato vuole i numeri, ma contrarre le possibilità abbandonando settori anche di nicchia mi sembra autolesionistico. Non sarebbe più furbo produrre piccoli quantitativi in piccoli stabilimenti per fare quei prodotti che non fanno utili ma sono l’immagine del gruppo? Certo la Maserati potrà proporre prodotti interessanti, ma di estrema elite, e poi sono quelli che cerca il lancista? Sarà mica possibile snaturare il prodotto principalmente sportivo, per farlo diventare principalmente di rappresentanza? Vogliamo dirla tutta, per gli amanti del marchio, i modelli prodotti dalla casa di Chivasso erano delle piccole Rolls,per la particolare cura delle vernici, e delle finiture; confesso che spesso il colore delle mie auto è stato blu, perché avevo tanta voglia di averne una col classicissimo “blu Lancia”!

precisino54

Gio, 01/11/2012 - 18:36

X - mariolino50- verissimo le Bmw di quel periodo non stavano proprio in strada, avevano solo un bel motore molto elastico con molta coppia in basso che però creava più problemi che dare vantaggi, bastava infatti accelerare anche poco in curva e ritrovarsi a tornare indietro. Se si aveva un po’ di pelo si doveva lavorare di controsterzo ed entrare di traverso, lo facevo con un amico che bastonavo regolarmente con una Fiat 125 s nonostante neanche quella fosse proprio piantata. Che ricordi ragazzi!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 01/11/2012 - 19:45

Invece dell' eleganza della Lancia, avremo l' eleganza della Chrysler... del resto gli USA sono famosi per l' arte, il senso del bello e la fine estetica..... cose che succedono in questa europa colonizzata

Il giusto

Gio, 01/11/2012 - 20:40

Se non si vendono è perchè sono brutte!

Il giusto

Gio, 01/11/2012 - 20:45

Se non si vendono è perchè sono brutte e ci sono pochi modelli!Ma lo sapete che l'unica sw del gruppo è l'alfa 159!Che non esiste un monovolume medio!E che è ancora in vendita la punto con una linea di 10 anni fa!Non le vendono perchè non fanno piu' modelli nuovi, e non li fanno perchè...forse hanno un motivo!!!

Cosean

Gio, 01/11/2012 - 20:45

L'idiota non investe niente nella Lancia, non azzarda nuovi modelli, nuove tecnologie e poi la chiude perche la Lancia non ha appeal! E per favore!!!! Ditemi che questo non può essere la definizione di Idiota!?

vitripas

Gio, 01/11/2012 - 22:40

STA ANDANDO VIA NON L'AVETE CAPITO? CHE CI STA A FARE IN ITALIA? NON E' COMPETITIVO. GOODBYE ITALIA

#marcok@

Ven, 02/11/2012 - 02:44

Certo che se lasciano dei bei progetti , come la nuova fulvia nel cassetto da anni, di vendite non ne fanno. Roba da pazzi lasciare morire un marchio così prestigioso per la loro incompetenza e mancanza di buona volontà e di innovazione e desain. alla Fiat sono abituati a fare merdacce di macchine e hanno rovinato tutti i marchi italiani conformandoli alla pessima qualità dei prodotti FIAT.

Rudik

Ven, 02/11/2012 - 07:15

Lancia era tradizione di innovazione, design italiano e lusso. Marchionne vuole imporre al mercato le sue idee, ma lo stile USA qui non funziona! Vuole che gli italioti comprino le Chrysler, travestite da Lancia, al prezzo delle Mercedes. Può funzionare solo fra i dipendenti del marchio_nne Fiat, abituati ad obbedirgli ciecamente per conservare il posto.

precisino54

Ven, 02/11/2012 - 18:27

Oggi sono andato dal mio meccanico di fiducia, ha la passione del restauro delle auto d’epoca ed ogni volta che entro in officina mi vengo i brividi a vedere quante opere d’arte sono state prodotte e ancora fanno bella mostra di se. Una Maserati quattroporte ed un’altra non identificata, una Lancia Augusta ed una Aurelia b54, una Alfa “osso di seppia” una 2500s 6c, ed altre ancora. Chissà se un giorno potremo avere le stesse sensazioni in presenza delle auto oggi in voga, belle performanti ma senza anima! Senza storia, senza quel profumo di storia che viene fuori da questi gioielli. Certo il consumismo dei nostri giorni farà si che l’oggi non lascerà tracce, ma c’è qualcosa di oggi che vorreste rivedere tra trenta anni?