In Serbia rinasce il ludddismo un operaio danneggia 31 auto


Il «Landinismo» comincia a fare proseliti nello stabilimento serbo della Fiat, a Kragujevac, dove viene prodotta la 500L, modello che da poco viene esportato anche sul mercato nordamericano. Un operaio, forse insieme ad altri due o tre colleghi, ha danneggiato 31 vetture causando un danno di 50mila euro. A motivare il gesto, il malcontento per il salario basso e i ritmi di lavoro aumentati per far fronte alla domanda dei mercati. È stata trovata anche una scritta: «Mangiatori di rane (termine dispregiativo per indicare gli italiani, ndr) andate via dalla Serbia e Russo (un caporeparto, ndr) aumenta i salari». Resta da vedere se l'episodio rimarrà isolato, o se l'azione è solo l'inizio di una protesta più ampia. In Italia, sicuramente, la Fiom di Maurizio Landini è pronta a cavalcare il malcontento.

Commenti