Troppo lavoro a Uccmb La bad bank fa sciopero


Troppi straordinari e troppi incarichi extra per gli addetti di Uccmb, la «bad bank» del gruppo Unicredit che l'amministratore delegato Federico Ghizzoni ha deciso di porre in vendita ricevendo manifestazioni di interesse che Piazza Cordusio ha definito «importanti». Falliti gli obiettivi della trattativa in atto, venerdì 9 maggio i lavoratori della controllata guidata da Dino Crivellari incroceranno quindi le braccia.
I sindacati del settore (Fabi, Fiba, Fisac, Uilca e Dircredito) protestano in particolare contro gli accresciuti carichi lavorativi negli uffici di Uccmb, conseguenti anche agli obiettivi strategici del piano industriale.

Commenti