CHI È AI WEIWEIArtista, designer ma soprattutto un uomo libero

Nato a Pechino nel 1957 e trasferitosi a New York nel 1981 (rientrerà in patria nel 1993) è famoso sia come designer e architetto che come artista. Il grande pubblico lo conosce come il progettista dello stadio olimpico di Pechino, inaugurato per i Giochi del 2008, gli appassionati lo riconoscono come protagonista dell'arte d'avanguardia. Ma il nome di Ai Weiwei è legato anche alla sua attività di libero pensatore in un Paese comunista. Sebbene la sua fama mondiale in qualche modo lo protegga, Ai non ha potuto evitare nel 2009 la chiusura d'autorità del suo blog (che aveva aperto tre anni prima) e nel 2011 l'arresto, durato quasi tre mesi. Rimesso in libertà, nel 2012 gli è stata inflitta una maximulta per evasione fiscale, pagata grazie all'aiuto di 30mila sostenitori.


Il valore in miliardi di
dollari degli investimenti
cinesi in Germania
previsti per il 2020

Commenti