L'accordo con Kiev? Per l'Ue non vale 20 miliardi di euro

Kiev Trenta feriti negli scontri della notte scorsa quando le forze speciali sono intervenute per sgomberare tende e barricate nella centrale piazza Maidan, cuore della protesta filo-Ue contro il presidente Viktor Yanukovich. Uno sgombero che di fatto è fallito, perché poche ore dopo i dimostranti si sono ripresentati sul posto, forti della presenza e del sostegno dell'inviata di Bruxelles Catherine Ashton e di quella americana Victoria Nuland.
L'Ucraina «rischia la guerra civile» ha detto il patriarca della chiesa ortodossa nazionale Filarete, che ha esortato le autorità a cessare le violenze e a firmare un accordo di associazione con l'Unione Europea, come chiesto dai dimostranti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti