VIA LIBERA DALL'ONULa Francia invierà 1200 soldati in Centrafrica

La Repubblica Centrafricana precipita in un sanguinoso caos e l'Onu autorizza la Francia a inviare un proprio contingente militare per fermare le stragi. Nella capitale Bangui ieri si sono contati oltre cento morti in scontri tra forze regolari (appoggiate dai 250 militari francesi già presenti a Bangui) e i rivoltosi del gruppo Seleka. Per condurre l'operazione di peacekeeping Parigi potrà schierare fino a 1200 uomini: Hollande ha promesso «un'azione immediata». La Francia è l'ex potenza coloniale del Centrafrica, che ha ottenuto l'indipendenza nel 1960. Già nel 1966 nel Paese ricco di diamanti, oro e uranio erano cominciati i colpi di Stato, il più tragicomico dei quali vide il maresciallo Jean Bedel Bokassa proclamarsi imperatore nel 1976.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di serjoe

serjoe

Ven, 06/12/2013 - 14:46

L'impulso umanitario dei francesi puo' ingannare solo i cerebrolesi.L'uranio in grande quantita'...a rifornire le centrali...con l'aiuto dei generali.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 08/12/2013 - 04:23

i galletti si divertono ancora a colonizzare. Poveri idioti. I Cinesi fanno lo stesso ma molto molto meglio e portando anche infrastrutture.