Il re di Swaziland la vuole nell'harem Lei chiede asilo

C'è chi sogna di sposare un re e c'è chi scappa da un re, a rischio della stessa vita. Tintswalo Ngobeni ha 22 anni e fugge da un sovrano, re Mswati III, che la vuole sposare e aggiungere alle 13 mogli del suo harem. Teatro della triste storia è lo Swaziland, piccolo regno nel sud dell'Africa, dal quale la ragazza è fuggita chiedendo per la seconda volta asilo al Regno Unito, dove vive da quando era teenager. A soli 15 anni la giovane è stata notata dal re che con insistenza l'ha chiesta in matrimonio. «Non avevo scelta - racconta lei - nessuno ha mai respinto il sovrano o gli ha disobbedito, così sono scomparsa». Si è trasferita a Birmingham e ha fatto domanda di asilo nel 2007 ma nel 2011 è arrivata la risposta negativa. Lo scorso mese è stata arrestata e rinchiusa in un centro per immigrati. Solo l'intervento del sindacato Tuc e di un deputato laburista hanno permesso il suo rilascio. Ora sogna di ottenere l'asilo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Raoul Pontalti

Lun, 20/05/2013 - 14:28

Notizia dal sapore di bufala. Forse la fanciulla, destinata ad essere la XIV vergine per un harem reale, temeva si scoprisse la sua non illibatezza...

killkoms

Lun, 20/05/2013 - 15:01

ditelo alla kienge!anche la civile,multirazziale e multiculturale gran brteagna ha il reato di immigrazione clandestina e i centri di espulsione per gli stessi!

billyjane

Mar, 21/05/2013 - 00:59

ma che età ha questo re dello swaziland? sarà senz'altro un vecchiaccio sporcaccione...e poi se la ragazza non fosse proprio vergine, non ne vedo una ragione per farne della ironia, vero sig. Pontalli?

killkoms

Mar, 21/05/2013 - 15:05

@billyjanne,le culture primitive,quelle che una volta venivano chiamati"selvaggi",quasi mai hanno imposto l'illibatezza alle loro donne!anzi c'erano posti e tribù in cui il compito di"liberare"le donne da tale fardello era demandato ad uno specifico personaggio, stregone o sciamano che dir si voglia!questo perchè sempre nelle predette culture primitive,tutto ciò che è legato al sangue non da ferite,tipo il ciclo mestruale,è tabù!

Raoul Pontalti

Mar, 21/05/2013 - 16:26

Dio li fa e poi li accoppia anche nei commenti. Incapaci di cogliere l'ironia, pigri nell'informarsi, refrattari alla conoscenza e alla comprensione di ciò che è diverso, prigionieri di luoghi comuni e creduloni nelle frottole su baluba, feroci saraceni, etc. Il vecchiaccio sporcaccione è il quarantacinquenne Mswati III sovrano assoluto dello Swaziland il quale per tradizione può sposare ogni anno una vergine scelta tra le molte che si presentano in una pittoresca cerimonia danzante con le fanciulle che sculettano e agitano le poppe al vento indossando i tradizionali costumi. Tutti i particolari della vicenda si rinvengono sul Mail Sunday (troppa fatica cercarlo on-line?)e rendono l'idea a un vecchio smaliziato come me di una bubbola raccontata dalla procace fanciulla per piatire un permesso di soggiorno in GB dove già vivono alcuni suoi famigliari. Sulla bubbola dello sciamano sverginatore stendiamo un velo pietoso...(e le infibulazioni presso molti popoli africani a cosa servirebbero?). Tornando alla fanciulla: forse avrebbe fatto meglio a raccontare che era perseguitata politica, essendo lo Swaziland una monarchia assoluta ritenuta quindi poco o punto democratica (ma dove le donne hanno associazioni combattive per le pari opportunità, vengono anche elette a vescove anglicane, etc.), piuttosto che una perseguitata per rifiuto di proposta di matrimonio.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 21/05/2013 - 16:44

Mandiamo a trattare la nostra ministra Cecile Kienge. Forse pigliamo due piccioni con una fava.

killkoms

Mar, 21/05/2013 - 21:39

i froci saraceni?ci mancavano solo quelli!ma se lo dice il depositario della somma conoscenza e della verità suprema..!

killkoms

Mer, 22/05/2013 - 09:22

i froci saraceni?lo sanno tutti che alcune culture praticano la bisessualità in gioventù!qualcuno si legga quel libro che in prima edizione uscì col titolo"i costumi sessuali dei selvaggi"!

Raoul Pontalti

Mer, 22/05/2013 - 12:24

Vai dall'oculista killkoms (quello con la o iniziale, ché quello privo della o ti cambierebbe i connotati delle pliche raggiate circumanali): io ho scritto feroci saraceni non froci. Sì feroce da ferus selvaggio e fera belva, nel significato di fiero, animoso in combattimento, crudele, spietato, etc. Ma forse si tratta di lapsus freudiano il tuo, anelando tu all'incontro intimo con l'extracomunitario che sappia distendere le tue pliche raggiate...

killkoms

Mer, 22/05/2013 - 16:43

permaloso!!!qualche extracomuniaria,sì!gli extracomunitari omini li lascio agli altri!

killkoms

Mer, 22/05/2013 - 16:48

permaloso!!!qualche extracomuniaria,sì!gli extracomunitari omini li lascio agli altri!

killkoms

Mer, 22/05/2013 - 20:43

p.s.,scommetto che l'oculista senza la"o" è il tuo dottore preferito!