Febbre suina: l'Iran chiude i pellegrinaggi alla Mecca

Per limitare il contagio, nessuno potrà lasciare il Paese alla volta della meta religiosa. Secondo le autorità, i 144 casi finora registrati provengono da lì

Per evitare la diffusione del virus pandemico il ministero della Sanità dell'Iran ha messo al bando tutti i pellegrinaggi alla Mecca, anche il più importante, l'Hajj, che si tiene a novembre. Secondo il ministro Mohammad Bagher Lankarani, il Paese non avrà dunque pellegrini in Arabia Saudita durante il mese del Ramadan che inizia il 22 agosto: si teme che la presenza di milioni di pellegrini alla Mecca, riferisce la Bbc online, aumenti il rischio di diffusione del virus.
Non solo, secondo la stampa iraniana le autorità sanitarie stanno programmando un sistema per controllare i pellegrini che rientrano dall'Arabia Saudita. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità in Iran sono stati riscontrati finora 144 casi di influenza A, la maggior parte in persone che recentemente erano tornate proprio da un pellegrinaggio in Arabia Saudita.

Tag

Commenti