«Ma per il federalismo non c’è alcun rischio»

Non è facile la posizione del leghista che si trova a difendere la manovra, accusata di mettere in crisi proprio il federalismo, cavallo di battaglia lumbard. Il vicepresidente della Regione, Andrea Gibelli, però, si dice convinto che gli attacchi siano immotivati: «Un conto sono i soldi trasferiti alle Regioni, un altro conto il federalismo fiscale».
Non esiste il problema che denuncia il presidente Formigoni?
«Bisogno distinguere. Un conto è la posizione dialettica da tenere con il governo sui tagli, un conto è sovrapporre questo tema a quello del federalismo fiscale, che è tutta un’altra cosa».
Vuol dire che il federalismo fiscale non è a rischio?
«I tagli attuali riguardano i trasferimenti dalla Bassanini, si tratta di risorse. Il federalismo invece delega competenze e responsabilità, si tratta di norme. Non facciamo confusione».
I tagli previsti non avranno conseguenze gravi per la Lombardia?
«Sono tagli importanti e mi auguro che il Parlamento affronti la questione, (...)

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti