GENOA-SIENAPreziosi «salta» il processo a ultrà, Rossi stoppa il pm

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi non ha testimoniato ieri nell'udienza del processo che vede imputati quattro ultrà accusati, tra l'altro, di violenza privata per aver preteso la consegna delle maglie dei giocatori durante Genoa-Siena. Preziosi, ha dimostrato l'avvocato Vaccaro, «è impegnato in un Cda straordinario della società Giochi Preziosi». Presenti in aula come testi i giocatori del Genoa Cesare Bovo e Giandomenico Mesto, il capitano Marco Rossi (ha spiegato che non c'è stata «sudditanza psicologica» dei giocatori nei confronti degli ultrà) e il medico sociale Pietro Gatto.

Autore

Commenti

Caricamento...