I musicanti di strada che tengono in ostaggio il cuore della Superba

Sperano nella pioggia. Non qualche goccia, ma proprio un'acquazzone che liberi le strade. È esasperazione vera quella vissuta dai genovesi che abitano o lavorano nei palazzi che si affacciano su piazza Matteotti, in pieno centro, davanti al Ducale, a due passi dal duomo. Nel cuore della città. Non bastano gli ambulanti abusivi, i mendicanti molesti, i punkabbestia con i cani liberi: adesso l'incubo sono i musicanti di strada. Vere e proprie orchestrine che stazionano per tutta la giornata nello stesso punto di passaggio nevralgico di genovesi e turisti: tre, quattro anche cinque musicisti che, con una base a tutto volume suonano lo stesso brano tutto il santo giorno. (...)

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

canaletto

Dom, 12/05/2013 - 10:01

DA ANNI, SOTTO PONTE MONUMENTALE VI E' MARITO E MOGLIE ROMENI CHE STRIMPELLANO COSE STONATE INFASTIDENDO CHI PASSEGGIA E CHI LAVORA NEGLI UFFICI CIRCOSTANTI, IN PIU COI SOLDI SI SONO COMPERATI ANCHE L'AMPLIFICATORE PER ROMPERE MAGGIORMENTE. IL COLMO CHE LA VINCENZI GLI HA DATO ANCHE LA CASA POPOLARE A DISPETTO DEI POVERI GENOVESI CHE NON RIESCONO AD OTTENERLA. QUESTA E' LA SINISTRA

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Dom, 12/05/2013 - 12:12

I VIGILI CI STANNO PER FIGURA O VANNO SOLO A FAR MULTE AI GENOVESI?

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Dom, 12/05/2013 - 19:50

Non sono contrario a questi musicisti di strada , ma se hanno amplificatori e cose varie che disturbano vanno sequestrate.Ricordo sempre con piacere un fisarmonicista che si metteva dal palazzo della borsa davanti alla banca d' italia, che suonava meravigliosamente e non disturbava nessuno, anzi nel mio caso ero un ragazzino e mi ha iniziato alla musica classica.Lo ringrazio di cuore, e con quei soldi che gli davano poteva mantenersi la famiglia in maniera civilissima.In tutto il mondo ci sono questi musicisti di strada, e direi che se sono un po in disparte sono piacevolissimi,molto di piu' che vedere ambulanti sulle piazze piu rinomate genovesi che vendono frutta con i loro camion ,ma non agli altoparlanti