Il Pdl scopre di saper ancora vincere

Il Pdl è vivo. Forse più correttamente, è vivo il centrodestra. Magari non sembra, magari c'è chi nasconde le cartelle cliniche con i segnali incoraggianti e sventola le diagnosi più funeste. Ma il voto della Liguria offre un segnale importante per il popolo moderato. Dove c'è una strategia, dove non ci sono fratture, dove vengono fatte scelte giuste, arrivano risultati anche clamorosi. Comunque in grado di dimostrare che l'elettorato di centrodestra non ha problemi a ridare fiducia ai vecchi partiti. A patto di vedere proposte serie, anche nuove.
Proprio questo aspetto è stato colto dai consiglieri regionali liguri che tramite il capogruppo Marco Melgrati hanno già chiesto un appuntamento a Roma con i vertici del Pdl, per mettere sul tavolo la «questione ligure», per chiedere che venga presa comunque una decisione e che si torni a lavorare. In modo da ottenere risultati anche laddove i cittadini hanno finora patito l'assenza del partito (...)

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

m.m.f

Mer, 29/05/2013 - 08:52

IN LIGURIA E IN TUTTA ITALIA IL PDL INVECE DI FARE LA PRIMA DONNA DOVREBBE FARE COME IL PD. RIMBOCCARSI LE MANICHE CAPIRE CHE L'ITALIA HA TANTE REGIONI CANDIDARE PERSONE PER BENE CHE LAVORANO E DARSI DA FARE.