Una giornata a bordo di un peschereccio per scoprire i gioielli della costa e del mare

E' un'esperienza che senz'altro piacerà ai sostenitori del turismo responsabile. Perché coniuga divertimento e attività sportiva con tutela dell'ecosistema, divulgazione della cultura del mare, cibo a km 0 e rispetto delle tradizioni. E' il pescaturismo, che avvicina ai segreti della pesca e insegna a usare nasse, lenze e reti, condividendo una giornata al largo con pescatori professionisti. Nel tratto di mare che lambisce il Parco Naturale Regionale di Portofino la si vive a bordo del Castel Dragone, un peschereccio che parte da Camogli, Recco, Portofino o Santa Margherita Ligure. L'imbarco è alle 8: colazione e spiegazione delle principali tecniche di pesca prima di assistere alla salpata delle reti lasciate in posta la notte precedente, sosta per un tuffo nelle acque del Miglio Blu dell'Area Marina Protetta, pranzo con il pescato del giorno e navigazione alla scoperta dei gioielli naturalistici della zona. Info: www.pescaturismocamogli.com; www.turismoinliguria.it.

Commenti