Giovane saudita Vanta la sua vita sessuale in tv, rischia il patibolo

Rischia la pena di morte il 32enne saudita che il mese scorso ha raccontato in Tv la propria vita sessuale. Riad intanto ha deciso la chiusura della sede di Jeddah dell’emittente libanese che ha trasmesso la testimonianza a «luci rosse», la Lbc. Mazen Abdul-Jawad è stato arrestato a luglio dopo aver vantato la qualità della sua vita sessuale e come le coppie possono rendere più piccanti le proprie serate. Nella trasmissione «Ampie linee rosse», Jawad spiegava come conquistare le donne per strada. L’Arabia Saudita professa il wahabismo, una islam radicale che vieta qualsiasi contatto tra i sessi al di fuori del matrimonio.

Commenti