A giugno fa il pieno di profitti (+150%) Bene la raccolta

Utile netto in aumento del 150% a 120 milioni (da 47 milioni) e margine di intermediazione a 410 milioni (+80%) per la Banca Popolare di Sondrio nel primo semestre dell’anno. La raccolta diretta dell’istituto cooperativo presieduto da Piero Melazzini è salita del 4% annuo a 16 miliardi, mentre quella indiretta è stabile; in aumento del 12% gli impieghi a quota 15 miliardi. La crisi economica in atto pesa sul portafoglio crediti, con rettifiche in aumento del 170% a 50 milioni. La Popolare di Sondrio, che a fine giugno contava 267 filiali (tra le ultime aperture quella di Trento), conferma la scelta di crescere per linee interne e nel secondo semestre prevede numerose altre aperture.

Commenti