Identikit L’euroteppista da stadio del terzo millennio

La prima conferenza internazionale sulla violenza negli stadi organizzata dal Consiglio d’Europa e tenuta al ministero degli Interni a Vienna nei giorni 17 e 18 febbraio, ha tracciato un identikit del tifoso ultrà europeo del terzo millennio.
Età compresa fra i 16 e i 25 anni, rappresentati tutti gli strati sociali, in genere studenti, poche donne e senza cariche nel gruppo di cui raramente sono membro effettivo. Contrario a ogni forma di modernità, contrario a ogni forma di commercializzazione. Scarsa la presenza di immigrati. Si tassa per le scenografie in curva, veste di nero o sportivo, marche preferite Umbro, New Balance, Lonsdale Harrington, Stone Island. Diverso dall’hooligan, non sempre sceglie la violenza.
Sempre a Vienna in occasione di Austria-Atletico Bilbao di Europa League, dietro ai violentissimi scontri sono stati riconosciuti ultrà del Real Madrid, dell’Espanyol, del Levski Sofia e della Lazio.