Imperia Falsa l’offerta del magnate russo

«Potanin - dicono alla Interros - non ha partecipato all'asta, non aveva nessuna intenzione di comprare qualche villa sulla costa della Liguria, non ha nessuna proprietà immobiliare in Italia». Il Console russo sta già verificando come sia possibile che alcuni timbri del suo ufficio siano stati utilizzati per la documentazione presentata in comune a Imperia. La conferma dell'offerta fasulla è arrivata proprio ieri da Alexei Vladimirovich Paramonov dopo che l'assessore alle finanze Roberto Calcagno, il dirigente dei servizi finanziari Alessandro Natta, il dirigente Antonio Scarella e l'avvocato del comune Sergio Roggero, gli avevano telefonato perché avevano capito che qualcosa non tornava.
FGraff
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.