Incendi È bruciato dove Tursi ha speso milioni

Mancata pulizia dei terreni, boschi abbandonati, sentieri interrotti e opere di prevenzione che scarseggiano. Tutto questo ha contribuito alla tre giorni di incendi che hanno sconvolto parte del Levante di Genova e della Valbisagno, tra lingue di fuoco che una volta spente lasciano la desolazione di terra incenerita. Tutto per centinaia di ettari di terreno sui quali qualcuno, da anni, aveva messo l’occhio per segnalare spossibili pericoli.
Nei giorni scorsi, a roghi in corso, anche il sindaco Marta Vincenzi e il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Silvio Saffioti hanno parlato chiaro: occorrono opere di prevenzione e cura del territorio se non si vogliono ripetere situazioni simili. Roberta Morgano, fino a qualche mese fa assessore alla manutenzione del verde dell’amministrazione Vincenzi e dimissionata dal sindaco per esigenze di bilancia politica (c’era da dare un posto ai Verdi per accontentare (...)

Commenti

Grazie per il tuo commento