Infermiere si chiude in un ufficio e si spara con il palazzo pieno di gente

Un infermiere di 55 anni in servizio all’Inail di via D’Annunzio, nella zona di piazza Dante, a Genova, si è tolto la vita così, alle 8.30 di ieri mattina. L’uomo, che secondo alcune indiscrezioni avrebbe sofferto di depressione, si è sparato con una pistola regolarmente detenuta dopo essersi chiuso in un ufficio da solo. Lo sparo ha chiaramente allarmato sia i dipendenti della sede Inail, sia le persone che erano in quel momento negli uffici adiacenti. Immediatamente è stata chiamata la polizia e gli agenti che sono intervenuti non hanno potuto che verificare la morte dell’infermiere. Il suicida avrebbe anche lasciato qualche riga per spiegare le ragioni del suo gesto che rientra però in una sfera solo personale. Sembra che l’uomo avesse in ballo un contenzioso con l’Inail che ora è al vaglio della magistratura.

Commenti