Alberto dell'Utri: "Mio fratello ha vissuto vent'anni come in carcere"

Martedì la sentenza definitiva per l'ex senatore. Il gemello: "Gli hanno comunque rovinato la vita"

"Latitante? No, mio fratello non è un latitante. È un evaso". Il fratello gemello di Marcello Dell'Utri, Alberto, lo difende in un'intervista concessa alla Stampa, in cui parla degli ultimi vent'anni come di un periodo in cui l'ex senatore "è stato come in carcere, dietro le sbarre di accuse assurde".

Alberto Dell'Utri attacca chi accusa il fratello, che definisce "un perseguitato", sicuro che a suo carico non ci siano mai state prove concrete, ma piuttosto "racconti di pentti che hanno sentito da altri pentiti di contatti" con ambienti mafiosi. In parole povere: poco di concreto.

Martedì arriverà la sentenza definitiva per l'ex senatore, che potrebbe confermare la condanna a sette anni per concorso in associazione mafiosa. Il fratello, alla domanda se pensa che tornerà in Italia, dal Libano, dove si troverebbe ora per alcuni controlli, risponde di sì, "ma tanto non cambia niente, perché qualsiasi sia l'esito della sentenza gli hanno comunque rovinato la vita".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GiuliaG

Sab, 12/04/2014 - 11:14

Per le toghe rosse l'unica vera colpa di Marcello dell'Utri è quella di avere contribuito a fondare Forza Italia. In bocca al lupo.

buri

Sab, 12/04/2014 - 17:41

non conosco gli affari di dell'Utri, ma se sono 20 anni che cercano di incastrarlo senza mai riuscirci, ci sarà un motivo, certo che il motivo c'è, non hanno uno straccio di prova, solo teoremi, ma ha una grave colpa, è amico di Berlusconi e ha contribuito alla nascita di Forza Italia, cosa volete di più? non può essere che un mafioso