Chiede l'eutanasia «Non mi adatto alla tecnologia»

Non riusciva ad adattarsi alla tecnologia, non comprendeva i tempi moderni, si era resa conto di come la società avesse perso la sua «umanità». Così, un'insegnante inglese in pensione di 89 anni ha deciso di ricorrere all'eutanasia, nella clinica svizzera Dignitas.
«La tecnologia ha rovinato le relazioni umane», sosteneva. E lei a questa situazione non riusciva ad abituarsi: vedeva le persone come robot, slegate dalla realtà. Perciò, piuttosto che adattarsi ad un ambiente che reputava estraneo e ostile, ha optato per l'estremo gesto, anche se non aveva nessuna grave malattia. È riuscita a convincere i medici dicendo di non avere un «futuro invidiabile» davanti e che sarebbe morta in una casa di cura. Ad accompagnarla in Svizzera c'era la nipote Linda, che è rimasta al suo fianco fino all'ultimo momento.

Commenti