LA «COSCIONI»«Forse class action contro la legge 40»

Migliaia di coppie danneggiate dalla legge 40 sulla procreazione assistita, cancellate dalla Corte Costituzionale, potrebbero chiedere risarcimenti allo Stato. A valutare l'ipotesi i legali dell'associazione Coscioni. «La sentenza della Consulta è retroattiva, ha dichiarato il divieto di fecondazione eterologa illegittimo dall'approvazione della legge - ha spiegato Gianni Baldini, uno dei legali -. Se una coppia che voleva accedere alla fecondazione eterologa 10 anni fa ormai non può più farlo. E può chiedere un risarcimento. Un ricorso che in Europa è accettato, qui non è mai stato fatto, quindi stiamo studiando la possibilità, forse in forma di class action».

Commenti