Detersivo da bere alla moglie-bimba Afghano arrestato

La teneva segregata in casa, la picchiava, la obbligava a bere detersivo per i piatti come punizione. È la storia denunciata da una diciottenne afghana venerdì sera, quando è riuscita a fuggire. Un mese e mezzo di maltrattamenti dopo che lei era arrivata in Italia, a Bologna, dove il marito, un connazionale sposato con nozze combinate, la teneva chiusa a chiave. L'uomo, 37 anni, ha raggiunto la moglie di notte, in stazione, dove lei stava tentando di salire su un treno. Le ha strappato il biglietto e ha iniziato a picchiarla in strada. A soccorrere la donna un tenente dei carabinieri che rientrava dal servizio: l'uomo è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni.