E l'alfaniano tresca con Chiamparino

Doveva restare segreto l'incontro tra Sergio Chiamparino - candidato per il centrosinistra alla presidenza della Regione Piemonte - e Giampiero Leo del Nuovo centrodestra, ma così non è stato. A casa dell'ex sindaco di Torino, l'ex ciellino con velleità subito stoppate di una candidatura a governatore per il centrodestra, non ha parlato di possibili alleanza ma di assai più strategiche non - alleanze. Un patto sotto banco che porterebbe gli alfaniani a correre da soli, per indebolire la coalizione del centrodestra e quindi favorire il Chiampa nella sua scalata a Palazzo Lascaris. Parola d'ordine: indebolire invece di rafforzare con alleanze alla luce del sole che provocherebbero molti mal di pancia. Con tanto di ricompensa, naturalmente, al momento di assegnare poltrone ed incarichi. Niente di nuovo, in fondo, per Leo che nel 1995 fece campagna elettorale per la sinistra, per poi passare a Forza Italia. Tutto torna nella vita.