Gratta&vinci pagati con i soldi pubblici

L'inchiesta sui rimborsi percepiti illegittimamente in Calabria della Guardia di finanza ha colpito tredici tra consiglieri regionali ed ex, 7 di centrodestra e sei di centrosinistra tra il 2010 e il 2012, accusati di peculato, falso e truffa. C'è il senatore di Grande Sud Giovanni Bilardi e persino l'ex governatore della regione Agazio Loiero, ma le indagini potrebbero presto allargarsi. I finanzieri hanno scoperto tra i rimborsi un biglietto per assistere a uno spettacolo di «lap dance», un tagliando del Gratta&vinci e molti «ingiustificati» viaggi, secondo gli inquirenti all'estero e in Italia, come un pullman affittato per Chianciano a 3.700 euro.

Commenti