Ingroia costretto a cedere: oggi prende servizio ad AostaMa c'è ancora un ricorso al Tar

Alla fine ha dovuto cedere. Il leader di «Azione civile» Antonio Ingroia si presenterà oggi nella tanto vituperata Aosta, destinazione che ha fatto di tutto per evitare. Solo una «presa di possesso», specifica lui, che avrebbe preferito non presentarsi e attendere, il prossimo 23 maggio, la decisione del Tar sul ricorso contro il ministero che lui stesso ha presentato, chiedendo di essere destinato alla Dna. In realtà Ingroia aveva chiesto di fruire di alcune ferie arretrate. Ma la risposta è stata negativa. E l'ufficio, con tanto di arredi e targa, è pronto ad accoglierlo. L'appuntamento è oggi, alle 9 e 30. «Vado ad Aosta – dice Ingroia – con la massima disponibilità verso i colleghi, che mi farà piacere conoscere, e verso il procuratore capo Marilinda Mineccia».

Commenti