La Lega caccia Morganti: colpa dei post su Facebook

L'eurodeputato Claudio Morganti è stato espulso dalla Lega nord per dei post su Facebook. Tra le motivazioni si legge che l'europarlamentare, nonostante il provvedimento di sospensione (di sei mesi circa), avrebbe «tenuto un atteggiamento gravemente lesivo della dignità del Movimento e di alcuni suoi esponenti in particolare, pregiudicandone l'attività e compromettendone l'immagine, attraverso la pubblicazione di post e commenti sul social network Facebook». Morganti afferma che «fa sorridere che militanti che hanno utilizzato soldi pubblici per comprarsi cartucce da caccia e pagarsi Negroni siano tranquillamente ancora dentro la Lega».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.