«Nessuno ha deriso il giovane gay che voleva morire»

Non riusciva a trovare lavoro. Le sue speranze, dopo gli studi e una laurea, faticavano a concretizzarsi e così non ha retto allo sconforto. Intorno alle sette ieri è uscito sul balcone della sua abitazione e si è buttato. Un gesto disperato, di un ragazzo perbene, di 26 anni, che poteva finire in tragedia. L'ennesima tragedia della grave crisi economica e occupazionale che attraversa il Paese e che proprio in Ciociaria ha già fatto alcune vittime. Il fatto è successo ad Arce, nel frusinate. Il giovane, da poco laureato in Economia e Commercio all'università di Cassino, in preda a un momento di sconforto per la sua condizione di disoccupato, si è gettato nel vuoto. Un volo di appena tre metri, ma un impatto violento che gli ha causato un brutto trauma alla colonna vertebrale e alcune fratture.

Commenti