Parma adesso gli sta stretta Altra poltrona per Pizzarotti

Lo aveva giurato: «Il mio unico interesse è Parma». Eppure 12 mesi in sella posson bastare per farsi piacere anche la comodità di una poltroncina in più. Del resto «così fan tutti»: ecco che Federico Pizzarotti (nella foto), sindaco di Parma, ha accettato la corte di Graziano Delrio, ministro per gli Affari regionali, tuttora sindaco di Reggio Emilia e fino a ieri pure presidente dell'Anci. Il neo ministro, che resterà anche sindaco (senza stipendio) ha dovuto però abdicare alla presidenza dell'associazione, non senza compiere un ultimo atto, nominando Pizzarotti nel board, presieduto ad interim dal sindaco di Pavia, Alessandro Cattaneo. A unire il rosso Delrio e le stelle di Pizzarotti, oltre ai natali emiliani e - immaginiamo - la passione incondizionata per lo gnocco fritto, è la lotta alle maglie del patto di stabilità. Fra Roma e Milano combattendo la crociata municipale, è scattato l'amore: per Parma si può lavorare anche da fuori. Con un incarico in più.

Commenti