IL PRECEDENTEGiuseppe, 23 anni morto investito dopo un agguato

L'11 settembre di due anni fa stava rientrando a casa con un collega. Quando, all'improvviso, notò tre uomini. Subito dietro di lui alla stazione di Kaiserdamm a Berlino. Giuseppe M., italiano di 23 anni, non ci pensò due volte. E cominciò a correre, non guardando la strada. A quel punto un'auto lo investì. E il ragazzo mortì sul colpo. Giuseppe era uscito dal ristorante del padre, dove lavorava come cuoco nel quartiere di Wilmersdorf. Arrivato nella stazione della metro il giovane fu avvicinato da tre persone che gli chiesero una sigaretta. Poi Giuseppe fu aggredito. Di qui la fuga disperata. Finita, per l'italiano, tragicamente sotto un'auto.

Commenti