Quel romano così «british» che trafiggeva con l'ironia

Giulio Andreotti è morto ieri alle 12 e 25 nella sua abitazione romana all'età di 94 anni. Tra i protagonisti della vita politica italiana della seconda metà del XX secolo, è stato tra gli uomini più importanti della Dc. Presidente del Consiglio per 7 volte, senatore a vita, ha ricoperto numerosi incarichi di governo. Iniziò la sua carriera politica già alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando al seguito di Alcide De Gasperi diventò membro della Costituente nel 1946. I funerali, in forma privata, si terranno oggi pomeriggio nella chiesa dei san Giovanni dei Fiorentini a Roma.

Commenti