«Il sisma all'Aquila era prevedibile»

Era prevedibile, o come dice il giudice «non era affatto imprevedibile», un evento «non eccezionale» considerata la sismicità dell'area. Il terremoto dell'Aquila torna a far discutere dopo la deposizione ieri delle motivazioni del magistrato del tribunale dell'Aquila, Giuseppe Grieco, sulla sentenza di condanna di 4 imputati e assoluzione di altrettanti. Per Grieco il sisma poteva essere previsto «essendosi verificato in quello che viene definito periodo di ritorno, vale a dire nel lasso temporale di ripetizione di eventi previsto per l'area aquilana». Periodo che «è stato indicato in circa 325 anni dall'anno 1000».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento