Sparatoria a Zibido I due banditi pronti alla rapina

«Volevano uccidere» i due banditi che l’altro ieri hanno ingaggiato una sparatoria a colpi di kalashnikov con i carabinieri di Zibido San Giacomo, alle porte di Milano. A dirlo è il maresciallo Giacomo Portolesi che, durante lo scontro, è stato ferito in modo non grave a una gamba. È invece in gravi condizioni ma, secondo i medici, se la caverà Sandro Narcisio, il nomade sinti pluripregiudicato che, nel conflitto a fuoco, ha avuto la peggio: cinque colpi di pistola lo hanno infatti colpito allo zigomo, alla spalla e alle gambe. Il suo complice, invece, è fuggito, abbandonando una Bmw rubata carica di armi, probabilmente destinate a un assalto a un furgone blindato.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.