Kabul Uccisa cooperante cristiana

Kabul Una cooperante di nazionalità britannica è stata assassinata ieri a Kabul. «Alle 7 di stamattina (le 4.30 in Italia), due uomini armati a bordo di un moto hanno ucciso una donna occidentale che lavorava per una organizzazione non governativa», ha detto un portavoce del ministero dell’Interno di Kabul. «Gli assassini sono fuggiti e noi abbiamo organizzato un’operazione per ritrovarli».
L’attentato è stato rivendicato dai talebani. «Questa donna è venuta in Afghanistan per insegnare il cristianesimo al nostro popolo», ha sottolineato un loro portavoce. «I nostri leader hanno preso la decisione di ucciderla. E questa mattina il nostro popolo l’ha uccisa a Kabul», ha detto senza mezzi termini. L’organizzazione non governativa «Serve Afghanistan» si occupa dell’assistenza ai malati. La vittima era impegnata in attività con persone disabili.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.