Kuwait, polizia carica manifestanti apolidi che chiedono la cittadinanza

In Kuwait la polizia in assetto anti-sommossa ha usato manganelli, gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere una protesta di residenti apolidi che chiedevano parità di diritti e cittadinanza. È quanto denunciato da Taher al-Baghli della Kuwait Human rights society, dopo aver assistito all'intervento della polizia sulle centinaia di manifestanti che stavano dimostrando a Jahrah, la seconda città più grande del Paese, a ovest di Kuwait City.

Commenti