L’EX SINDACO DI GELA E IL COMUNE IN ROSSO

«Per Don Gianni io sono stato la conferma della sua convinzione secondo cui la storia agisce secondo un disegno provvidenziale». Così il ministro della Cultura Sandro Bondi (nella foto) nell’intervento che apre il numero zero - dedicato a Don Gianni Baget Bozzo, scomparso l’8 maggio dell’anno scorso - della rivista culturale Il Nuovo Domenicale, che sarà presentato oggi nella Sala del Mappamondo della Camera. «Ricordare Don Gianni significa per me ricordare un momento importante della mia vita - scrive ancora Bondi - quella che coincide con il mio ingresso nella vita politica. Come spesso accade, gli incontri non sono casuali».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti