L’idea Fedeli in marcia contro le bestemmie

Campane a morto, credenti in fila. Fedeli in marcia, questa mattina alle 9, contro la bestemmia. È l’iniziativa di don Beppino Cò, parroco di Zeri, in provincia di Massa Carrara. In questo comune dell’alta Lunigiana gli abitanti si preparano a manifestare contro un’abitudine diffusa ma tutt’altro che educata.
La marcia si terrà su un percorso a piedi di otto chilometri da Patigno, frazione vicino a Zeri, fino al Passo dei Due Santi. Don Beppino ha radunato un centinaio di fedeli. Obiettivo: rinnovare il linguaggio depurandolo da inutili invettive e parolacce. «È ormai diventata quasi una gara - ha detto don Beppino - a chi pronuncia le parole più volgari che trovano risonanza poi anche attraverso il web». Le campane suoneranno a morto «per sottolineare la volontà di sotterrare le offese al Signore».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti