L’interrogatorio Tarantini confessa: «Al pd Frisullo diedi anche soldi»

L’ex vicepresidente della Regione Puglia, Sandro Frisullo (Pd), avrebbe ottenuto non solo prestazioni sessuali da alcune escort ma anche denaro dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini, in cambio del suo impegno per sbloccare i mandati di pagamento per le forniture di protesi e di materiale sanitario che le società della famiglia Tarantini avevano fatto alla Asl Bari. È quanto emerge dagli ultimi interrogatori, in parte secretati, a cui è stato sottoposto nel novembre scorso il «re delle protesi» barese e condotti dai tre magistrati del pool sanità della procura di Bari. Nei giorni scorsi gli sviluppi dell’inchiesta hanno portato all’arresto di funzionari dell’azienda sanitaria accusati di corruzione.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.