Lecco Castelli non ce la fa La Lega perde la sua roccaforte

Neanche un candidato sindaco pesante come Roberto Castelli è riuscito a rimediare alle liti interne tra Lega e Pdl a Lecco, che avevano portato alle dimissioni anticipate del primo cittadino uscente. Il viceministro alle Infrastrutture si è infatti fermato al 44,2% dei consensi ed è stato sconfitto dall’avversario di centrosinistra, Virginio Brivio, che, con il 50,22% dei consensi è stato elette sindaco al primo turno. Il Carroccio perde così, nonostante la tornata elettorale favorevole, una delle sue roccaforti dove governava dai primi anni Novanta. Il Pd ha preso il 36,30% dei voti e si afferma come il primo partito della città davanti al Pdl (25,69%) e alla Lega Nord (20,66%). Lo scorso ottobre le dimissioni di cinque consiglieri comunali del Pdl avevano portato alla caduta della giunta, guidata dalla leghista Antonella Faggi, e al commissariamento.

Commenti