Libero il reporter rapito dai talebani: 4 i morti nel blitz

Il giornalista irlandese del New York Times Stephen Farrel, rapito dai talebani nel nord dell’Afghanistan, è libero. La sua libertà però è costata la vita a 4 persone, morte nel blitz compiuto nella notte di lunedì dalle unità speciali dell’Isaf. Il reporter era stato sequestrato sabato scorso nella provincia di Kunduz insieme a un collega afghano, Mohammad Sultan Munadi. Nell’operazione Munadi è morto insieme a un militare britannico e ad altri due civili, tra cui una donna, che era forse complice dei carcerieri. Sembra fossero per la maggior parte americani le «teste di cuoio» impegnate, con il supporto di elicotteri e truppe regolari afghane. Una volta libero, il giornalista ha raccontato di aver visto il compagno morirgli di fronte, centrato alla fronte da un proiettile quando ormai sembrava tutto concluso.