Mancini in stato confusionale

Nebbia in val padana, nebbia su Milano anche se non è ancora il periodo giusto, ma soprattutto nebbia nelle idee tattiche di Mancini e stato confusionale del tecnico nerazzurro che, a due mesi dall’inizio della preparazione, non è ancora riuscito a dare il giusto assetto alla squadra. Nelle partite finora giocate, Mancini ha provato tutto quello che poteva provare, passando dall’amato 4-4-2 alla difesa a tre, al rombo con Dacourt davanti alla difesa, al balletto delle punte con Adriano ripetutamente bocciato e messo in campo ieri al posto di Stankovic, quando mancava un quarto d’ora alla fine, per salvare la patria. È stata quella di ieri la quarta formazione di Mancini in altrettante gare, la prima col tridente e Figo alle spalle come assist man: la dimostrazione che l’Inter non ha un gioco fisso e consolidato e va avanti alla ventura. Si era sempre detto che all’Inter mancava un regista, c’era Pizarro, ma Mancini l’ha incautamente lasciato andare alla Roma.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento