Marea nera Washington dà l’ultimatum ai petrolieri

L’Amministrazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha lanciato ieri un ultimatum alla Bp, nel timore che l’inquinamento del Golfo del Messico sia decisamente peggiore rispetto alle più catastrofiche delle previsioni, con perdite che potrebbero raggiungere addirittura i 30mila barili quotidiani. Il colosso petrolifero britannico dovrà svelare entro 72 ore i suoi piani per fermare la perdita nel Golfo, secondo una lettera ufficiale del coordinatore federale Thad Allen all’amministratore delegato della Bp Tony Hayward.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti