Milanesi e Superenalotto «Se vinco 147 milioni mi compro tre mogli»

C’è chi promette di dare una parte della vincita in beneficenza, ai più bisognosi. «Perché si deve anche fare del bene in questa società». Altri invece che pensano a un viaggio dall’altra parte del mondo o a saldare un mutuo ventennale. E poi ci sono quelli che con una cifra del genere comprerebbero anche una moglie. Anzi, tre per la precisione. «Che male c’è? Con quei soldi mi prendo tre consorti e pure la casa..». Milanesi, stranieri, giovani e anziani over 80: ecco le storie di chi è stato «contagiato» dalla febbre del Superenalotto.

Commenti