Milano Night club da choc Conto da 7000 euro per tre giapponesi

C’era uno zero in più nello scontrino ma, complice un bicchiere di troppo, non ci ha fatto caso. Quando si è visto poi addebitare un conto di 800.000 yen (circa 6.000 euro) ha capito.7.265 euro è il conto record pagato da uno sfortunato turista giapponese per aver trascorso una notte al Pussy Cat, locale milanese di via Gonzaga. Era l’ 11 dicembre quando il signor K, insieme a due amici, entra nel night e consuma da bere. «Ci hanno fatto due scontrini - si legge nella lettera di denuncia presentata all’Enit - e pensavo fosse andata male la transazione». L’ associazione dei consumatori (Adoc) si sta occupando del caso.