Cenoni, feste e brindisi forzati causano ansia a 1 milanese su 3

Per un milanese su tre le vacanze di fine anno sono a rischio ansia e depressione. Complici la crisi economica (48%), le troppe commissioni tra corse ai regali e preparazione di pranzi e cenoni (41%), gli abitanti ammettono di avvicinarsi a questi giorni di vacanza stanchi (31%), ansiosi (18%) e depressi (9%). I più a rischio? Principalmente gli uomini (52%) e gli over 65 (34%).
È quanto emerge da uno studio condotto dall'agenzia Found su circa 200 milanesi, maschi e femmine di età compresa tra i 18 e i 70 anni. «Spesso si sente dire che vacanze, grandi ricorrenze religiose e non, come per esempio il compleanno, sono fattori di rischio per condizioni di malessere emotivo, depressione e suicidio – spiega il direttore sanitario del centro medico Santagostino Michele Cucchi – In realtà gli studi dicono che le vacanze di Natale non siano un fattore di rischio. Ma è sempre più difficile sentirsi felici, anche e soprattutto durante queste festività».

Commenti