Como Delitto sul Lario L’assassino confessa

Lo odiava perché quando lavorava alle sue dipendenze aveva installato in fabbrica alcune telecamere e gli aveva dato molto fastidio. Antonio Terribile, 44 anni di Cadorago, ha confessato al sostituto Antonio Nalesso della Procura di Como e all’avvocato Simona Pensa la premeditazione del brutale omicidio dell’imprenditore Antonio Dubini avvenuto nel pomeriggio di sabato 22 agosto davanti al cancello del residence «I lauri» di Carate Urio. Una confessione che aggrava la sua posizione anche se difficilmente rischierà l’ergastolo visto il suo stato mentale, tanto che attualmente è piantonato nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Sant’Anna di Como, dove da tempo era in cura.